Istanbul

Dopo essere rimasto bloccato a Doha per 48 ore sono finalmente arrivato a Istanbul, per definizione è il punto di congiunzione tra Oriente e Occidente, quindi l’inizio dell’Europa. Ho visitato la città e mi sono rimesso subito in sella, ho appena 20 giorni e circa 2200km per ritornare a casa! Riprendere a pedalare dopo qualche giorno di pausa è sempre bellissimo, le gambe girano veloci e sembra di volare, a farmi compagnia il profumo del mare e dei pini marittimi che mi fanno sentire come fossi appena arrivato in vacanza.
Ormai sono noioso, anche qui la gente è buona ed ospitale, il guardiano di una fabbrica mi ha fatto campeggiare all’interno della proprietà e siamo finiti poco dopo a bere il loro particolare tè ed a guardare la partita di calcio, ovviamente senza poter parlare, purtroppo qui l’inglese non è molto diffuso. Ora sono già in Bulgaria, l’Italia si avvicina e la voglia di riabbracciare amici e famiglia incomincia a farsi sentire. Arrivo!!

Cape Town

Le ultime colline lungo la costa sono state fantastiche, lì, l’ inverno si sentiva meno e campeggiare in tenda non era più un problema, soprattutto perchè quando chiedevo un posto sicuro dove campeggiare mi offrivano anche cena e colazione. La generosità sud africana mi ha proprio sorpreso!

Arrivando in città mi rendo conto che non si tratta della solita metropoli; qui lo scenario è fuori dal normale, infatti un imponente montagna rocciosa fa da sfondo al panorama cittadino.

Qui con l’ aiuto di Couchsurfing ho trovato subito tanti amici interessanti e sono riuscito ancora una volta a ballare salsa. In questa zona si trovano tante spiagge vicino alla città, montagne ed animali meravigliosi. Non ci si può proprio lamentare, non manca niente!

Domani ho il mio ultimo volo, si torna in Europa, per la precisione proprio dove questa inizia!